Canna di zucchero

 

Per tradizione famigliare queste terre , da molti anni, sono coltivate a canna da zucchero che proviene dal genere:  SACCHARAE,  specie: SACCHARUM OFFICINARUM, e di diversi tipi, da quella chiamata GIALLA, PINDAR, HAWAII e POJ, che per vari motivi sono cambiate col passare degli anni, sia per malattie che per scarsa produttività, fino a che oggi abbiamo una varietà chiamata BARBADOS.


Questa varietà si caratterizza per la produzione di semi di buona qualità, un crescimento veloce, il poco tempo per raggiungere la maturazione, l'alto rendimento di zucchero x ettaro e il suo squisito sapore in combinazione con la nostra passione e dedizione e all'eccelente clima della valle, fa si che nella Fattoria Sermide si produsca canna da zucchero di una eccelente qualità.

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

Bambù

 

Grazie alle qualità di queste terre abbiamo anche la coltivazione di bambù.

Il suo nome scientifico Guadua angustifolia
Appartiene alla sottofamiglia Poaceae Bambusoideae e Famiglia.
Il bambù ha molto forti fibre naturali che sviluppano prodotti da costruzione come laminati, pavimenti, pannelli, tappeti, mobili, colonne, travi e paste è grande anche come fissatore di carbonio permettendo al rifugio della fauna selvatica ad essere un fattore importante nella nostra azienda agricola biodinamica.

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

L'orto

 
Ci occupiamo anche di un orto biodinamico coltivato per la produzione di ortaggi e piante da frutto.

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom